St. Vincent

Film 2014 | Commedia +13 102 min.

Regia di Theodore Melfi. Un film con Bill Murray, Melissa McCarthy, Naomi Watts, Chris O'Dowd, Terrence Howard. Cast completo Genere Commedia - USA, 2014, durata 102 minuti. Uscita cinema giovedì 18 dicembre 2014 distribuito da Eagle Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,58 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi St. Vincent tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La storia è incentrata su un dodicenne che, dopo il divorzio dei suoi genitori, stringe una bizzarra relazione con il vicino. Il film ha ottenuto 2 candidature a Golden Globes, In Italia al Box Office St. Vincent ha incassato 280 mila euro .

St. Vincent è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,58/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,33
PUBBLICO 2,92
CONSIGLIATO NÌ
Commedia con Bill Murray, ragion d'essere e garanzia emotiva del film.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 15 dicembre 2014
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 15 dicembre 2014

Vincent è un misantropo col vizio della bottiglia, delle scommesse ai cavalli e delle cattive maniere. Ruvido e scostante, Vincent non piace alla gente e a Vincent non piace la gente. Fanno eccezione Daka, una prostituta russa incinta con cui intrattiene una relazione economico-affettiva e Oliver, un ragazzino di pochi anni che si è appena trasferito con la madre nella casa adiacente alla sua. Maggie, separata e in affanno col lavoro, chiede a Vincent di occuparsi di Oliver in sua assenza. Prima riluttante e poi convinto dal compenso, Vincent accetta di dedicarsi al ragazzo, a cui rivelerà suo malgrado il suo cuore grande. Perché Vincent da molti anni ormai si prende cura della moglie, colpita da demenza senile, e di Daka, a cui paga gli esami per la gravidanza. Chiamato dal suo insegnante a raccontare la storia di una persona conosciuta e in odore di santità, Oliver sceglierà proprio Vincent, contribuendo col suo amore ad addomesticarne il cattivo umore.
St. Vincent è una commedia convenzionale, di quelle che escono sotto Natale e che si inseriscono in un filone molto sfruttato senza rivoluzionarne gli schemi. Costruito intorno all'amicizia tra un adulto e un bambino, naturalmente capace di regalare tenerezze a un uomo chiuso in se stesso e dalla lingua tagliente, nondimeno St. Vincent riserva qualche sorpresa e quasi tutte a carico di Bill Murray, ragion d'essere e garanzia emotiva del film. Cool e immoto, Murray lavora sul filo dell'understatement e produce un personaggio sigillato nella sua bolla di narcisismo e invitato a riconsiderare la propria esistenza da un ragazzino amabile, che ha il volto e il talento fresco di Jaeden Lieberher. Il suo nuovo se stesso, non necessariamente più autentico, ma certo più funzionale richiama poi uno dei personaggi più celebri di Murray (Ricomincio da capo), riproponendone il carattere asociale e lo spirito acre.
Diversamente da Phil Connors, metereologo cinico e sarcastico vittima di un rompicapo temporale, Vincent ha un passato e una vita affettiva al riparo dal mondo, che gli vale l'ideale canonizzazione del titolo. Perché Vincent, a suo modo, è un santo e dei santi ha la sollecitudine e l'abnegazione. Almeno per Oliver che lo propone a imitazione dei fedeli e alla gloria eterna, se non di al di là, certamente al di qua del cielo.
Il trionfo di buoni sentimenti, che offrono leziose pause di riflessioni, gli elementi sdolcinati e la dimensione tutta fiabesca imposta da Theodore Melfi, cedono gradualmente sotto i colpi degli attori. Appoggiata al loro mestiere, il disarmante e comico spessore di Bill Murry e Melissa McCarthy, la commedia di Melfi si ricompone nel volto di gomma di Murray e in quello morbido della McCarthy. Outsider di misura, Melissa McCarthy interpreta una madre affettuosa, mettendo da parte il gusto scatologico dei suoi personaggi più celebri e rivelando un interessante registro drammatico. Registro che accusa un rigurgito di (irresistibile) comicità bastarda in un'unica occasione, il colloquio con i professori-sacerdoti del figlio, trasformando ancora una volta il suo eccesso in espressione artistica. I confronti, diretti e indiretti, tra gli attori sono allora il valore aggiunto a una commedia natalizia, che alla fine non mancherà di commuovere per le sue fragilità e per la virile insicurezza del suo protagonista, St. Vincent di Van Nuys. Un santo da imitare e un attore inimitabile.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
ST. VINCENT
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Infinity
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 31 dicembre 2014
filippotognoli

Un Bill Murray cosi' non si vedeva dai tempi di Lost in traslation!!! St. Vincent e' una commedia dolce amara che ricorda molto i film di Wes Anderson.Riesce a far sorridere e commuovere nello stesso tempo.Il regista esordiente Melfi dirige alla perfezione un grande cast.Oltre al "santo" Bill, Naomi Watts e' perfetta, in un ruolo inedito x lei, e molto bravi e credibili sono anche [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 dicembre 2014
Mario Nitti

I nuovi vicini di casa di un uomo scorbutico, interpretato da un convincente Bill Murray, sono un bambino e sua mamma. La donna sola deve lavorare in orari improbabili e spesso non ha tempo per badare al piccolo, che dovrebbe restare da solo, così lo affida al vicino che accetta l’incarico perché a corto di soldi. E’ una mossa saggia quella di affidare un bambino di otto anni [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 aprile 2015
ultimoboyscout

Il piccolo Oliver, dopo il divorzio dei genitori, è costretto a trasferirsi in un'altra città e la madre, causa lavoro, lo affida ad un insolito babysitter, il vicino di casa Vincent, in apparenza un pensionato alcolizzato, in realtà un veterano di guerra con un gran cuore che si prende amorevolmente cura della moglie malata e di una spogliarellista incinta dell'est europeo.

mercoledì 7 gennaio 2015
Flyanto

 Film in cui si racconta di un anziano burbero e dal linguaggio colorito, dedito al gioco d'azzardo, alle bevute ed alla frequentazione di prostitute, il quale dietro compenso di denaro deve fare da baby sitter al figlio adolescente di una sua vicina che lavora sino a tardi. Nel corso delle giornate che egli trascorre col giovane, l'anziano signore in pratica svelerà ed insegnerà [...] Vai alla recensione »

domenica 28 dicembre 2014
bedtimedavide

Ho visto questo film 'per caso'.Ne avevo sentito parlare,certo,ma non avevo intenzione di vederlo al cinema,probabilmente sarebbe stato uno di quei film da aspettare in dvd.E invece no,vado al cinema con l'intenzione di vedere tutt'altro,ma le sale durante le feste di Natale sono pienissime e l'unica sala con ancora qualche posto era quella in cui trasmettevano St.

giovedì 1 gennaio 2015
Alex2044

Un film simpatico ed intelligente . La storia è gradevole ,gli attori sono bravi  (Bill Murray eccezionale ). Le poche cadute nel patetico non disturbano più di tanto . Si può vedere tranquillamente . Molto adatto ne periodo natalizio . Insomma buon esordio per questo regista esordiente .

martedì 8 settembre 2015
dario

Film di attori - bravissimo il, ragazzino - ma anche di regia. Tutto è sin troppo calibrato, ma c'è tanta buona volontà, tanto desiderio di fare qualcosa di valido. Missione abbastanza riuscita. La storiella commuove davvero, prende, intriga. Merito di Murray, assai ben coadiuvato da attori sinceramente coinvolti. Ma, come si diceva, straordinario il ragazzino, vale il biglietto [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 aprile 2015
Simone Magli

Un'autodistruzione ricca di lati positivi (che gli altri vedono) quella che impersona Bill Murray con la sua ottima espressività. Bravo anche il ragazzino e non male Naomi Watts.

venerdì 2 gennaio 2015
Salvatore Vantaggiato

Un film sicuramente da vedere, sinceramente io prima di vederlo credevo che fosse stato il solito film di Natale ( un'Americanata), invece mi sono ricreduto, al tal punto che ad un certo momento del film mi è venuto il nodo alla gola. Naturalmente già che c'è il grande Bill Murray è già di per se bello e divertente, e vi assicuro che ogni tanto scappa la [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 febbraio 2016
LBavassano

Non particolarmente originale, tutt'altro, sia nella storia (che può ricordare, ma siamo ben lontani da quei livelli, "Gran Torino") che nelle modalità narrative, risulta però estremamente piacevole sia sul versante comico che su quello sentimentale, ove non crolla come troppi suoi simili. E questo è probabilmente il suo pregio maggiore, oltre agli ottimi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 gennaio 2016
Barolo

Per quanto non originale,la storia dell'amicizia tra un adulto sgorbutico e un bambino amabile,questo film è ben fatto,gli attori sono bravi,i dialoghi intelligenti.Forse il finale è un pò sempliciotto e sentimentale,ma nel complesso la commedia  è gradevole,pur sapendo dall'inizio come finirà, si segue con piacere.

domenica 28 dicembre 2014
Flaw54

Sono caduto nella trappola della critica! Nonostante la mia idiosincrasia per Bill Murray,  di cui non ricordo un film decente ( a meno di non considrare tale il filosofeggiante Lost in translation), ho voluto vedere  questo film, ma ancora una volta ho ricevuto la conferma delle mie convinzioni. Una storia banale, una recitazione monocorde e assai debole, la presenza di personaggi impresentabili [...] Vai alla recensione »

Frasi
-"Stai bevendo alcol ?"
-"...Francamente non ricordo"
Dialogo tra Maggie (Melissa McCarthy) - Vincent (Bill Murray)
dal film St. Vincent - a cura di Lucrezia Bordi
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Separata, infermiera a tempo pieno, Maggie (Melissa McCarthy) non può che affidare il figlio dodicenne Oliver (Lieberher) al nuovo vicino di casa, Vincent (Murray), un pensionato malandato, ubriacone, scommettitore e fornicatore. Eppure, tra un ippodromo e uno strip club, Oliver ci si affeziona: in fondo, Vincent non è poi così male... St. Vincent è il classico film che è più di quel che promettono [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Vincent è uno stempiato reduce del Vietnam che perde ai cavalli, fa battutacce razziste sugli irlandesi (come lui), frequenta una sboccata prostituta russa incinta e dice sempre: «Non c'è bisogno che racconti tutta la storia» appena uno prova a fare conversazione. Conoscerà un bambino forbito trasferitosi vicino la sua catapecchia con madre divorziata.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Mamma mia, quanta melassa. L'esordiente Ted Melfì, autore anche dell'indìsponente sceneggiatura, ha l'animo del ricattatore. A Brooklyn lo scorbutico pensionato Vincent, un gatto, la bottiglia e l'azzardo nel cuore, si ritrova sul gobbo il dodicenne Oliver, mollatogli dalla vicina. Tutto straprevisto, zuccheroso e insulso. Inutilmente bravo il grande Bill Murray. Da Il Giornale, 18 dicembre 2014

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
Cosmos A Spacetime Odyssey | John Ortiz | Economics and Free Market Economy