Il Castello di Vetro

Film 2017 | Biografico, Drammatico +13 127 min.

Titolo originaleThe Glass Castle
Anno2017
GenereBiografico, Drammatico
ProduzioneUSA
Durata127 minuti
Al cinema31 sale cinematografiche
Regia diDestin Daniel Cretton
AttoriBrie Larson, Woody Harrelson, Naomi Watts, Max Greenfield, Ella Anderson, Josh Caras Shree Crooks, Brigette Lundy-Paine, Charlie Shotwell, Sarah Snook, Iain Armitage, Sadie Sink.
Uscitagiovedì 6 dicembre 2018
DistribuzioneNotorious Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,34 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Destin Daniel Cretton. Un film con Brie Larson, Woody Harrelson, Naomi Watts, Max Greenfield, Ella Anderson, Josh Caras. Cast completo Titolo originale: The Glass Castle. Genere Biografico, Drammatico - USA, 2017, durata 127 minuti. Uscita cinema giovedì 6 dicembre 2018 distribuito da Notorious Pictures. Oggi tra i film al cinema in 31 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,34 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il Castello di Vetro tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La tormentata infanzia della giornalista Jeanette Walls, cresciuta sotto l'ala (poco) protettrice di due genitori molto anticonformisti. In Italia al Box Office Il Castello di Vetro ha incassato 75,7 mila euro .

Consigliato nì!
2,34/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,17
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
L'infanzia difficile di una futura scrittrice di successo: buone le interpretazioni, meno la regia.
Recensione di Andrea Fornasiero
venerdì 30 novembre 2018
Recensione di Andrea Fornasiero
venerdì 30 novembre 2018

Mary Rose dipinge assorta e dice alla figlia Jeanette di cucinare, ma la gonna di lei, salita su una sedia, prende fuoco a contatto con il fornello. È solo la prima di una serie di situazioni in cui la genitorialità distratta ed eccentrica di Mary Rose e di Rex causa problemi ai figli, che a volte sfociano nell'abuso. Come quando Rex "insegna" a nuotare a Jeanette buttandola in acqua ripetutamente, in piscina di fronte all'orrore degli astanti. Rex del resto è un fallito alcolizzato che sogna - e promette ai figli - di costruire un giorno una casa con ampie vetrate, alimentata da energia solare, ma fatica a trovare lavoretti che fruttino anche solo il pane per la cena. Negli anni 80 però Jeanette è cresicuta ed è diventata una donna che frequenta la buona società e sembra essersi lasciata indietro i propri genitori, anche se questi l'hanno seguita fino a New York...

Tratto dall'omonimo libro di memorie di Jeanette Walls, caso letterario di enorme successo negli Usa, Il castello di vetro è un adattamento fedele più nello spirito che nella lettera. Nonostante la collaborazione della stessa scrittrice infatti evita o ammorbidisce diversi tra i passaggi più crudi, arrivando comunque alla stessa consolatoria conclusione.

Il racconto nel presente, ambientato negli edonistici anni 80 dove Jeanette è fidanzata a un giovane ambizioso che le chiede di mentire sulla sua famiglia alle cene d'affari, sembra fare da cornice ai flashback ma si rivela presto qualcosa di più. Il materialismo come simbolo di successo cozza infatti con la filosofia di libertà che i genitori di Jeanette hanno cercato di impartirle, il lato diciamo più nobile e umano del loro controverso insegnamento. Jeanette fa il possibile per ignorare questa contraddizione, ma in fondo non sembra mai davvero convinta della direzione che sta dando alla sua vita. La sua è una reazione quasi di pura rimozione verso la propria infanzia, che come tutti noi non può però mai davvero lasciarsi alle spalle.

Questa impasse è ben trasmessa da Brie Larson nei panni della protagonista, che riesce a sembrare allo stesso tempo determinata e decisa eppure attraversata da una crepa interiore e incapace di abbracciare davvero del tutto la sua nuova vita. Le sue reazioni sono così dure e secche che sembrano voler convincere più lei stessa, che non chi le sta intorno, della convinzione nelle proprie intenzioni.

Allo stesso modo Woody Harrelson offre un'ottima prova nei panni di Rex, genitore carismatico, affabulatore, capace di far sognare i figli con i propri racconti, ma allo stesso tempo truffatore, opportunista e spesso egoista, oltretutto segnato da una profonda ferita giovanile che nasconde dietro le sue molte maschere. Sono proprio tutte queste maschere a dirci che c'è qualcosa in sé che non vuole mostrare, celato dietro una cortina di fumo di entusiasmi e autodistruzione. Sarà quindi banale e forse anche romanzato che un oscuro segreto abbia fatto di lui quello che è, ma Harrelson riesce a rendere Rex umano e credibile.

Purtroppo il film non è fatto però solo di interpretazioni e si dilunga per due ore piene, tra situazioni che sono messe in scena come la rappresentazione canonica hollywoodiana di miseri quadretti famigliari, anziché che dal punto di vista della protagonista ancora bambina o adolescente. Pur arrivando dal cinema indipendente, l'hawaiano Destin Daniel Cretton, si adagia in una regia piuttosto convenzionale, seguendo del resto una sceneggiatura che non va molto più in là di certi Tv movie americani, con storie difficili dal finale edificante per il pubblico femminile. Il suo Il castello di vetro sembra un po' la versione di lusso, con un gran cast dove figura anche Naomi Watts, di questo tipo di produzioni. Consigliabile solo ai fan più appassionati di Harrelson e Larson.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 7 dicembre 2018
Emanuele 1968

Come ben sappiamo tutto è soggettivo, personalmente è un buon film, per un certo tipo di pubblico assolutamente SI.   Ottimo nei cineforum con dibattito finale gestito da personale qualificato e sensibile, sarebbe bello che le multisale dedicassero almeno un giorno alla settimana con un film di alta qualità, penso che l'iniziativa avrebbe un discreto successo. Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 6 dicembre 2018
Alice Sforza
Il Giornale

Seconda di quattro fratelli, Jeannette vive con due genitori inadeguati: una madre immatura e un padre bipolare alcolizzato. Il quale, quando è sobrio, si lancia in fantasiosi progetti senza possibilità di realizzazione. Figuriamoci, costruire, alle ragazze, un castello di vetro, simbolo delle sue promesse mai realizzate. Un film biografico che non riesce mai a distaccarsi dal classico genere delle [...] Vai alla recensione »

sabato 8 dicembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Per la serie: infanzie disastrose. Materia ideale, quando sei cresciuto - o forse sarebbe meglio dire sopravvissuto - per rievocarla in un bestseller che diventerà un film. Nel genere, abbiamo prima letto e poi visto "Correndo con le forbici in mano" (romanzo di Augusten Burroughs, film di Ryan Murphy) e la serie "I Melrose" con Benedict Cumberbatch (la saga autobiografica era di Edward St Aubyn). Vai alla recensione »

venerdì 7 dicembre 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Ancora un romanzo di eccentrica formazione nel sottogenere "famiglia disfunzionale", che va dall'antico Mosquito Coast al recente Senza lasciare traccia, passando per Muer Fantastic e La famiglia Fang. Pittrice la madre (Watts), fuggiasco dai debiti, tuttofare ad alto tasso alcolico il padre (Harrelson), quattro figli: il punto di vista è della piccola Jeanette, scarrozzata in un'infanzia colabrodo [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
domenica 11 novembre 2018
 

Si tratta dell'adattamento di "The Glass Castle: A Memoir", l'autobiografia di Jeanette Walls, una celebre giornalista specializzata in gossip, che verrà portato avanti proprio dalla Lionsgate, la società dietro a Hunger Games, e in particolare da Erik [...]

BIZ
martedì 24 aprile 2012
Robert Bernocchi

Sembra voler fare le cose in grande Robert Rodriguez, impegnato attualmente in Machete Kills, sequel della pellicola presentata nel 2010 alla Mostra del Cinema di Venezia. Infatti, secondo quanto riporta il sito Deadline, Mel Gibson è in discussioni avanzate [...]

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 31 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
El Jou C Ft El Mayor Clasico Y Paramba – Sin Ni Uno Remix | Descargar APK | Three Kingdoms RPG