Ovunque proteggimi

Film 2018 | Drammatico +13 94 min.

Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata94 minuti
Al cinema8 sale cinematografiche
Regia diBonifacio Angius
AttoriAlessandro Gazale, Francesca Niedda, Antonio Angius, Gavino Ruda, Teresa Soro Mario Olivieri, Anna Ferruzzo.
Uscitagiovedì 29 novembre 2018
TagDa vedere 2018
DistribuzioneAscent Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,71 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Bonifacio Angius. Un film Da vedere 2018 con Alessandro Gazale, Francesca Niedda, Antonio Angius, Gavino Ruda, Teresa Soro. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2018, durata 94 minuti. Uscita cinema giovedì 29 novembre 2018 distribuito da Ascent Film. Oggi tra i film al cinema in 8 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,71 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ovunque proteggimi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una storia gonfia di vita, di calore, di amore. In cui la voglia di rinascere di Alessandro e Francesca fa a pugni con un mondo che non gli appartiene. In Italia al Box Office Ovunque proteggimi ha incassato 49,4 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
3,71/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,50
PUBBLICO 4,13
CONSIGLIATO SÌ
Un film bellissimo e malato, denso e sottile, che obbliga a ridefinire la nozione volatile di follia.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 26 novembre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 26 novembre 2018

Alessandro, cinquantenne alienato e collerico, vive con la madre e spende la sua vita nei bar dove beve, beve tanto. Dal padre ha ereditato la musica e una 'camicia ideale', la più bella, da indossare quando canta per un pubblico locale sempre più ridotto. Dopo una crisi e un ricovero coatto, incontra Francesca, una giovane donna fragile che col senno ha perso la custodia di suo figlio. Congedati dalla clinica e legati da una notte d'amore, infilano la strada per Cagliari e una fuga alla ricerca di un bambino e di un'accettazione (affettiva e sociale) da sempre negata.

Come Perfidia, Ovunque proteggimi si apre sull'esposizione di un conflitto interiore. Uomo dalla statura solida, Alessandro è spezzato dentro da tormenti inspiegabili.

La sua vista si annebbia, il suo cuore accelera, la sua ira monta. Quel malessere lo sconvolge e riempie di terrore la madre che lo esorta a farsi curare fino a scegliere per lui il trattamento sanitario obbligatorio. Ma il corpo medico, uno psichiatra paternalistico e fuori campo, abdica la scena e il ruolo, liquidando i sintomi di Alessandro come capricci.

La disfunzione del protagonista, inasprita dall'alcool, attesta al contrario un malessere profondo. In preda all'angoscia, reitera le scorrerie notturne per bere oltre ragione e fare il prepotente con chi prova ad arginarlo. È una donna ad orientarlo. È Francesca, anima all'impasse nel corridoio di un ospedale psichiatrico, a dargli un orizzonte da seguire con una manciata d'amore. Ed è la storia di quell'incontro che Angius mette in scena in un film bellissimo e 'malato', denso e sottile che affonda ancora una volta nel sassarese e avanza verso il mare, spazio aperto e affrancatore verso cui tendono i suoi eroi marginali.

Da quei territori, che sono culla dell'autore e costituzione culturale ed etnografica dell'identità in pieno caos dei protagonisti, Ovunque proteggimi mantiene la distanza folcloristica e alla maniera di SaGràscia disegna una geografia altra. Una geografia mentale dove la colpevolezza innocente dei personaggi affiora alla curva delle scene e della strada e la parola occupa tutto lo spazio. Ovunque proteggimi non è la storia di una guarigione, è il racconto potente e sensibile di quelle ferite dell'anima che obbligano a ridefinire la nozione volatile di follia.

Massa di sofferenza sottomesso alle turbolenze del suo romanzo familiare, Alessandro, interpretato con foga da Alessandro Gazale, fa il paio, mal assortito al debutto ma complementare in chiusura, con Francesca Niedda, che incarna con sentimento a fior di pelle il disordine che resiste a qualsiasi risoluzione. Per i protagonisti la guarigione è soltanto la possibilità di un'altra ricaduta, un accordo precario tra la vita e il mondo.

Fedele alle sue inquietudini e a un décor dove il suo cinema nasce e si rigenera, Bonifacio Angius affronta al fianco dei suoi personaggi la paura di diventare pazzi, l'alienazione volontaria dai legami affettivi, la necessità di essere altro da sé per sopravvivere. Filma un uomo e una donna nel momento, trasfigurando la loro intimità attraverso l'immaginario cinematografico. Fisico e tellurico, Ovunque proteggimi è un'ode a quella complicità che unisce gli esseri e perdura dopo la loro separazione. Dopo uno portellone chiuso e una rotta aperta.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 29 novembre 2018
stefano capasso

Alessandro ha seri problemi con l’alcool, e questo gli causa la rottura con il gruppo musicale con cui canta da 20 anni. L’ennesimo sfogo distruttivo in casa lo porta all’ospedale dove sosterà qualche giorno, e dove incontrerà una donna con problemi di tossicodipendenza alla quale è stato sottratto il figlio dai servizi sociali.

lunedì 10 dicembre 2018
cardclau

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 Il film di Bonifacio Angius, Ovunque proteggimi, è un bel film, complesso, amaro e nel contempo assai inquietante, un tipo di road story, [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 dicembre 2018
SergioPintore

OVUNQUE PROTEGGIMI è uno dei film italiani più americani che abbia visto nell'ultimo anno. Un film carico di rabbia, una rabbia caustica, viscerale, che è molto più di quello che si vede sullo schermo, è letteralmente il ruggito del cuore della "bestia umana", tormentata dal peso dell'esistenza. Nell'anno di "Un affare di famiglia" di Hirokazu Kore'eda, Bonifacio ci propone un film con una tematica [...] Vai alla recensione »

sabato 8 dicembre 2018
Ivo Murgia

Si parla di vita nel nuovo film di Bonifacio Angius, di un uomo, di una donna, di un bambino e di tutta l’umanità variamente assortita che incontrano nel loro cammino. Un cammino fatto di sofferenze, cadute, riprese ma anche di gioia e felicità, vite insomma, vere, umane, combattute giorno dopo giorno. Definirle marginali sarebbe sbagliato, dato che i margini li definisce [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 dicembre 2018
Rossella Dettori

Film coinvolgente, pieno di empatia.Crudo quanto basta per mostrare una Sardegna che nessuno vuole vedere, ma c'è; speranzoso quanto basta per aspirare a tempi migliori per tutti. Nessuno escluso.Per molti aspetti, a me ha ricordato La Sposa Turca di Fatih Akin (Gegen die Wand), pellicola che adoro.

venerdì 7 dicembre 2018
Antonia valente

Ovunque proteggimi è una storia di due vite sconvolte ma appassionate che si incontrano.  Si incontrano, si scontrano e si salvano assieme.  E’ un film che parla di due persone che hanno vite drammatiche ma comuni, e nella loro normalità si ritrovano a vivere i problemi, in maniera appassionata e feroce.  Il realismo di queste vite, ti porta a sentirti vicino ai [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 dicembre 2018
Ivo Murgia

Si parla di vita nel nuovo film di Bonifacio Angius, di un uomo, di una donna, di un bambino e di tutta l’umanità variamente assortita che incontrano nel loro cammino. Un cammino fatto di sofferenze, cadute, riprese ma anche di gioia e felicità, vite insomma, vere, umane, combattute giorno dopo giorno. Definirle marginali sarebbe sbagliato, dato che i margini li definisce sempre qualcun altro per i [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 dicembre 2018
lau30

È una storia d'amore difficile quella di Francesca e Alessandro, protagonisti "borderline" di Ovunque Proteggimi. Entrambi alla ricerca di speranza, entrambi respinti dalla vita, trovano conforto l'uno nell'altra nel road movie ben costruito di Bonifacio Angius. Questo film è una danza sulle note di Piazzolla che scorre in un susseguirsi di vicende al limite. Consigliatissimo.

domenica 9 dicembre 2018
Aulin Wolf

 "l'amore viene dal basso, dalle stature, dall'innocenza" (Piero Ciampi)     Alessandro e Francesca, i due protagonisti, sono due creature selvagge e piene d'amore, piegate ad un mondo ostile fatto di personaggi chiusi in rigidi codici etici, morali, in linguaggi burocratici, nel bisogno meccanico di fare e dire la cosa giusta, ottusi, confusi e paternalisti. [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 7 dicembre 2018
Daniela Ceselli
Left

Opera terza del regista Bonifacio Angius, Ovunque proteggimi, presentato al Tff è un piccolo film prezioso e sorprendente. Un cantante folk (Alessandro Gazale) sull'orlo del fallimento esistenziale si esibisce davanti ad una platea striminzita. Dopo l'ennesima serata storta, tira giù un bicchiere dietro l'altro per ingannare le miserie di una vita. L'alcol, da cui dipende, ne accende impulsività e [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 novembre 2018
Sivan Kotler
Ha’aretz

Uno dei protagonisti di Ovunque proteggimi, il film di Bonifacio Angius, è il malessere, fissato sullo schermo da una sceneggiatura delicata e una regia attenta. Alessandro è un cantante folk cinquantenne che vive ancora con la madre. Francesca è una donna più giovane decisa a tutti i costi a riprendersi il figlio di cui ha perso la custodia. Entrambi sono consapevoli delle proprie fragilità ma sanno [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 novembre 2018
Beatrice Fiorentino
Il Manifesto

Fuga e follia Ma non come vorrebbe Forman, perché la «follia» in Ovunque proteggimi è una questione sociale, più che clinica o esistenziale. Da una parte Alessandro, cinquantenne disilluso che tira tardi la notte a cantare nei locali per avventori distratti. Molta rabbia e pochi sogni, affidati per lo più alla bottiglia e alle slot machine. Dall'altra Francesca, macerie alle spalle e un figlio di cinque [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
giovedì 8 novembre 2018
 

Alessandro indossa la sua camicia porta fortuna, luccicante, una bomba. Non li sente i suoi cinquant'anni. Dopo aver cantato per un pubblico poco riconoscente, come tutti i sabato notte, fa mattina al Blu Star Disco.

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 8 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
NTSF:SD:SUV:: | rowdy baadsha | BDRipVF Captain America: Civil War