Un giorno all'improvviso

Film 2018 | Drammatico +13 88 min.

Regia di Ciro D'Emilio. Un film Da vedere 2018 con Anna Foglietta, Giampiero De Concilio, Massimo De Matteo, Lorenzo Sarcinelli, Biagio Forestieri. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2018, durata 88 minuti. Uscita cinema giovedì 29 novembre 2018 distribuito da No.Mad Entertainment. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,04 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Un giorno all'improvviso tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La storia di Antonio e del suo sogno di diventare un calciatore per una squadra importante. In Italia al Box Office Un giorno all'improvviso ha incassato 27,5 mila euro .

Consigliato sì!
3,04/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,08
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film dall'intensità davvero fuori dal comune, con due attori che delineano caratteri credibili dall'inizio alla fine.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 5 settembre 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 5 settembre 2018

Antonio ha diciassette anni e un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana. Con lui vive Miriam, una madre dolce ma fortemente problematica che ama più di ogni altra persona al mondo. Inoltre Carlo, il padre di Antonio, li ha abbandonati quando lui era molto piccolo e Miriam è ossessionata dall'idea di ricostruire la sua famiglia. All'improvviso la vita sembra regalare ad Antonio e Miriam una vera occasione: un talent scout, Michele Astarita, sta cercando delle giovani promesse da portare nella Primavera del Parma e sta puntando sul ragazzo.

Il cinema ci ha narrato in innumerevoli modi il rapporto madre figlio. Lo ha fatto con film mainstream e con opere più intime.

Sembrerebbe quindi che non ci possa essere più nulla da mostrare in materia ma questa supposizione viene smentita quando si portano sullo schermo (in un'opera prima, non dimentichiamolo) due attori come Anna Foglietta e Giampiero De Concilio che si confrontano con un'intensità davvero fuori dal comune delineando due caratteri credibili dalla prima all'ultima scena.

Carica di slanci e di improvvise chiusure nelle proprie ossessioni è la Miriam a cui aderisce anche fisicamente Foglietta mentre De Concilio fa di Antonio un ragazzo costretto dalla vita (e da un padre non degno di questo appellativo) a crescere prima del tempo. A differenza però di altri protagonisti di vicende analoghe qui un sogno resta vivo e viene sostenuto da due figure paterne vicarie: il rude ma attento allenatore e il talent scout. Grazie a loro Antonio, pur mantenendo i piedi per terra come gli viene ripetuto di fare, può sperare, per sé e per la madre, in un futuro diverso che li allontani definitivamente da un luogo che a lei non provoca altro che dolore e disperazione.

Un film così intenso merita una distribuzione con sottotitoli che ne conservino il valore soprattutto in presenza di più di un dialogo in dialetto stretto con voci che si sovrappongono.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 14 novembre 2018
Ambra Principato

Quando guardo un film ne studio gli aspetti tecnici, mi chiedo del perché di determinate scelte stilistiche... è più forte di me.  Ma è proprio quando questo non mi riesce, quando mi dimentico di notare i tecnicismi. E le inquadrature. E i punti di svolta.  E’ allora che so che il film è della pasta giusta: ha saputo incantare. [...] Vai alla recensione »

domenica 2 dicembre 2018
cardclau

Il film Un giorno all’improvviso, di Ciro d’Emilio, racconta una storia in quel di Napoli (in certi momenti si scorge il profilo del Vesuvio in lontananza), di uno strato della società alle prese con dei problemi spaventosamente problematici, consistenti come delle grosse pignatte da ventiquattro, quali la povertà che può immiserire, la malattia mentale che imperversa [...] Vai alla recensione »

martedì 13 novembre 2018
ciroda

Il film ti sbatte come un lenzuolo tra una miriade di emozioni. Il regista ti porta  dentro i personaggi tanto da farti sentire le loro pulsazioni.  Un filmone, me lo vado a ri-vedere sicuro il 29.  

mercoledì 7 novembre 2018
Angela

Film emozionante, anche grazie alle riprese sempre a spalla. Anna Foglietta incredibilmente brava, ma anche Giampiero De Concilio è intenso e bravissimo. Dialoghi in dialetto, ma i sottotitoli distoglierebbero dalla vicenda e dai primi piani. Film vibrante

mercoledì 14 novembre 2018
paola ruti

Ho avuto la fortuna di vedere in anteprima questo film bellissimo e struggente, capace di arrivare dritto al cuore e allo stomaco allo stesso tempo. Un’opera sincera e senza fronzoli, straripante di umanità vera. È la storia di una mamma, Miriam, e di suo figlio, Antonio, raccontata con un’intensità tale in cui è impossibile non immergersi, se si è [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 novembre 2018
albertopots

Di sicuro una delle opere prime più interessanti degli ultimi tempi, che dimostra come il cinema giovane, in Italia, goda di un ottimo stato di salute. Il film è frutto di una sceneggiatura ampia, di una regia dedita ai dettagli e di performance attoriali di rara intensità. L'ho visto alla Mostra del Cinema di Venezia, dov'era in concorso Orizzonti, ma tornerò [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 29 novembre 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Finalmente, un bel film italiano. Merito dell'esordiente Ciro D'Emilio che dirige, con bravura, una superba Anna Foglietta, madre psicolabile, accudita con premura dal figlio Antonio (un grande Giampiero De Concilio), diciassettenne promessa del calcio, che divide la sua vita tra allenamenti, provini, turni notturni da benzinaio e l'orto di famiglia.

giovedì 29 novembre 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Storie di vita. Tutto sulle spalle del quasi 17enne Antonio, professionista del lavoro occasionale organizzato e promettente calciatore nella periferia degradata napoletana: la madre, abbandonata da un marito violento, afflitta da depressione grave con raptus, richiede attenzione e spesso assistenza, mentre i servizi sociali potrebbero separarli. Riuscirà a vincere il provino per il Parma calcio e [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 novembre 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

Un giocatore tosto come Kolarov ha recentemente dichiarato che il tifoso di calcio spesso non ne capisce niente. Sembrerebbe un handicap anche dei registi perché nella storia del cinema i film che abbiano saputo cogliere la composita alchimia dello sport più popolare si contano sulle dita di una mano: ottima ragione per rendere omaggio a Ciro D'Emilio che in «Un giorno all'improvviso» riesce brillantemente [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 novembre 2018
Franco Montini
Trova Roma

Una storia semplice per un film estremamente rischioso, perché "Un giorno all'improvviso", esordio nel lungometraggio dì Ciro D'Emilio, racconta un complicato rapporto madre/figlio dove i ruoli sono invertiti rispetto alla norma. Miriam è una donna affascinante e infelice, abbandonata dal marito e segnata da comportamenti bipolari, che Antonio, il figlio diciassettenne, deve proteggere dal mondo esterno [...] Vai alla recensione »

martedì 27 novembre 2018
Nicola Falcinella
Film TV

In un luogo che sembra e parla come Napoli suburra, ma non troppo - per farne una categoria dello spirito, prima che una terra da descrivere - un diciassettenne cerca di sopravvivere con la madre. Gioca a calcio, con talento, difensore per chiamata, e bada a lei. Lei che è stata abbandonata dal marito, che è depressa, e instabile, che è malata e ai margini, come fosse una vergogna.

sabato 1 dicembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Gli italiani non sanno leggere i sottotitoli. Gli italiani non amano leggere i sottotitoli. Abbiamo i doppiatori migliori del mondo. Come si può anche solo pensare di far sparire un lavoro che dà da mangiare a tante famiglie. I sottotitoli rovinano l'inquadratura e distraggono. Son frasi che sentiamo quando si discorre del doppiaggio (senza mettere mai nel conto che Netflix prospera perché possiamo [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 29 novembre 2018
 

Antonio ha diciassette anni e un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana. Con lui vive Miriam, una madre dolce ma fortemente problematica che ama più di ogni altra persona al mondo.

VIDEO RECENSIONE
mercoledì 28 novembre 2018
A cura della redazione

Antonio ha diciassette anni e un sogno: diventare calciatore in una grande squadra. Vive con la madre Miriam, una donna fortemente problematica, mentre il padre li ha abbandonati quando lui era molto piccolo.

VIDEO
giovedì 22 novembre 2018
 

Antonio ha diciassette anni e un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana, una terra in cui cavarsela non è sempre così facile. A rendere ancora più complessa la situazione c'è la bellissima [...]

TRAILER
lunedì 12 novembre 2018
 

Antonio ha diciassette anni e un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana. Con lui vive Miriam, una madre dolce ma fortemente problematica che ama più di ogni altra persona al mondo.

POSTER
mercoledì 7 novembre 2018
 

Antonio ha diciassette anni e un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana. Con lui vive Miriam, una madre dolce ma fortemente problematica che ama più di ogni altra persona al mondo.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
Es sind noch 45 weitere Releases vorhanden. | Cultural perspective | Anatomical Terms Of Motion